Che sia per la sua incredibile posizione a strapiombo sul mare e per i suoi panorami mozzafiato, che sia il mito letterario che l’ha incoronata come la seducente Terra delle Sirene, Sorrento rappresenta – nell’immaginario collettivo – una perla di rara bellezza e intramontabile fascino.

Eletta fin da metà Settecento – dai letterati e studiosi dell’epoca – come meta ambita del Grand Tour europeo, questo colorato lembo di terra che profuma di Storia millenaria e di agrumi dolciastri è luogo ideale per trascorrere del tempo in totale relax, lasciandosi ispirare dai colori e dalle tante suggestioni che offre.

Terra natale di Torquato Tasso – autore della celebre “Gerusalemme Liberata” – Sorrento è stata musa ispiratrice di tanti artisti e pensatori nell’Ottocento e buona parte del Novecento. I paesaggi ameni e l’aria salmastra hanno reso questa città luogo dell’anima di scrittori come Nietzsche e Ibsen al quale è anche dedicato l’omonimo parco.

La terrazza dell'Hotel Excelsior Vittoria a Sorrento

È sulla terrazza del rinomato Hotel Excelsior Vittoria che l’indimenticabile Lucio Dalla compose la famosa canzone “Caruso” – ispirandosi ai racconti dei proprietari dell’albergo sull’omonimo tenore il quale, per qualche tempo, in questo lussuoso albergo dimorò, prima di fare definitivamente ritorno a Napoli nel 1921.

Sorrento - Centro Storico
Sorrento, Centro storico - Foto di Francesca D'Esposito

Grazie al bellissimo centro storico, nel quale ci si può perdere tra caratteristiche stradine, chiese antiche e palazzi nobiliari di grande valore, Sorrento vanta un posto privilegiato nel turismo mondiale.

La sua posizione strategica, inoltre la rende una meta semplicemente perfetta per il turista. Bastano, infatti, poche fermate della Circumvesuviana, (la linea ferroviaria che collega Napoli alla Penisola Sorrentina) per raggiungere gli scavi archeologici di Pompei.

In 30 minuti di aliscafo si può raggiungere Capri, la meravigliosa isola dei sogni; solo 17 km la separano da Positano e dal resto della Costiera Amalfitana; in 45 minuti d’auto si arriva a Napoli, città millenaria decantata come la terra del sole: non c’è una sola persona che non conosca la famosa aria “O’ Sole mio”!

E come dimenticare la straordinaria tradizione culinaria sorrentina?

La cucina sorrentina, basata su prodotti freschi e genuini, combina le prelibatezze del mare a quelli della terra accontentando ogni gusto!

Basta fare pochi passi dal centro cittadino per giungere all’antico borgo marinaro di Marina Grande per gustare ottimi piatti a base di pesce e concludere magari con la tipica Delizia al limone, dessert tutto sorrentino, da gustare con un bicchierino di Limoncello.

Limoncello di Sorrento
Il celebre Limoncello di Sorrento

Tuttavia, è riduttivo descrivere Sorrento definendola semplicemente la terra del mare, dei profumi agrumati, del buon cibo e dei panorami spettacolari: Sorrento va vissuta in ogni suo centimetro per coglierne pienamente la sua essenza.

Anche il Natale a Sorrento da alcuni anni – grazie a numerosi eventi e alle decorazioni cittadine – è diventato esempio mirabile di come un buon turismo sia possibile anche durante la “bassa stagione”.

È la terra che conserva antiche e poetiche tradizioni come le Palme di confetti – piccole confezioni floreali fatte, appunto, di confetti – che si preparano per la Domenica delle Palme – porta d’ingresso ai riti della Settimana Santa che trovano il proprio culmine nelle processioni degli incappucciati del giovedì e Venerdì Santo.

Sorrento è una cittadina estremamente ospitale e allegra e regalarsi un soggiorno qui significa donare a sé stessi un tempo d’oro per riempirsi gli occhi di meraviglie. Provare per credere!

Cosa vedere a Sorrento