Nel Comune di Meta sono due le congreghe che organizzano le Processioni: i bianchi dell’Arciconfraternita della Santissima Immacolata (Giovedì Santo) e i neri dell’Arciconfraternita del Santissimo Crocifisso e Pio Monte dei Morti (Venerdì Santo).

Di esse la più antica è l’Arciconfraternita della SS. Immacolata fondata nel 1590, ad istanza di un gruppo di fedeli devoti della Vergine ed avente l’iniziale scopo di «[…] pregare e lodare la Madonna», nonché di «[…] preparazione spirituale e morale dei suoi iscritti, la guida religiosa dei giovani confratelli, l’ assistenza ai poveri, ai vecchi ed a tutta la popolazione in tempi di particolare carestia e disastri naturali».

Processione Meta 3
La processione davanti alla Basilica Santa Maria del Lauro

Le Processioni a Meta: Le Origini

Le prime notizie sulla fondazione dell’Arciconfraternita del SS. Crocifisso e Pio Monte dei Morti, risalgono al 1633, sebbene l’ufficialità si ottenne solo tre anni più tardi.

Inizialmente aggregata alla Arciconfraternita della “Orazione e Morte” di Roma, nel 1695 “la Compagnia del Monte de’ Morti di Meta” fu esclusa a causa della Bolla “Quaecumque a Sede” di Papa Clemente VIII, che vietava che in uno stesso luogo due confraternite fossero aggregate alla stessa Arciconfraternita Romana: infatti, risultava già aggregata la “Compagnia della Orazione e Morte di Carotto, nel Piano di Sorrento”.

Fu allora che il Pio Monte de’ Morti di Meta fece domanda di aggregarsi all’Arciconfraternita del SS. Crocifisso di Roma, ottenendo l’approvazione nel giugno del 1700.

Divisa ufficiale è il saio nero con mozzetta azzurra e medaglione argento recante l’immagine di incappucciati in preghiera ai piedi della Croce.

Processione Meta 4
Il simbolo dell'Arciconfraternita del SS Crocifisso di Meta

Le Processioni a Meta

Dopo il tramonto, gli incappucciati bianchi escono in processione dalla chiesa parrocchiale di Santa Maria del Lauro per recarsi in visita agli altari della Reposizione lungo le antiche strade del paese.

Il coro femminile, in apertura, accompagna il corteo, composto di fiaccole e simboli della Passione, con canti eucaristici eseguiti senza ausilio di banda. In coda alla processione il coro maschile del Miserere.

Alle prime ore del Venerdì Santo, la processione nera si reca in pellegrinaggio agli altari della Reposizione, portando per le strade e i caratteristici vicoli del centro storico la statua della Addolorata.

Ritiratasi alle prime luci del giorno, i neri escono nuovamente a sera, con la Solenne Processione del Cristo Morto.

Processione Meta 2

Sebbene non rientri nel panorama delle Processioni religiose, una menzione particolare spetta alla rappresentazione storica “La Via della Croce, organizzata dall’associazione culturale “Olivi Olimpici” che si svolge a Meta, da quasi venticinque anni a cadenza biennale. La rappresentazione mette in scena tutti gli istanti immediatamente precedenti alla morte di Gesù come raccontati nei Vangeli. 

Si tratta di un evento che coinvolge tutta la cittadina e richiama spettatori dalle zone limitrofe e più volte è stata anche oggetto di reportage TV proprio per la qualità e la cura della manifestazione negli allestimenti e nell’esecuzione.